Viaggio tra le capitali europee minori

Viaggio tra le capitali europee minori
0 Flares 0 Flares ×

Il continente europeo offre una miriade di possibilità per i nostri viaggi di interesse culturale ed eno-gastronomico, di divertimento e relax. La lunga storia europea e il suo mix di culture fanno sì che ogni capitale, anche quella meno celebre, offra tanti spunti di viaggio, in grado di soddisfare le richieste di ogni tipo di turista.

Abbandonando le mete più classiche delle metropoli più gettonate, si possono programmare viaggi di un weekend o di una settimana in capitali europee minori con svariati vantaggi. In primis voli, pasti e alloggi in alcune città dell’Est Europa sono molto più economici rispetto alle più costose Parigi, Londra o Berlino per esempio, quindi si rivelano ideali come meta per un viaggio low cost. In secondo luogo le capitali minori offrono un patrimonio storico e culturale ricco di fascino, lontano dal turismo di massa. Infine in queste località con un vissuto, anche recente, importante è possibile vedere la straordinaria ripresa in corso in questi anni.

Bratislava è la capitale della Slovacchia, sta vivendo anni di grande rinascita sotto ogni punto di vista da quando è entrata nella zona Euro. In questa città il fascino del passato esplode nel centro storico della città tra palazzi e chiese perfettamente conservati, curiose statue disseminate per le vie principali e un imponente castello che domina dall’alto. Di particolare interesse si rivela anche il Palazzo di Grassalkovich in stile barocco. Bratislava ha anche una fervente vita sociale e notturna  grazie ai numerosi locali presenti lungo le vie della città che permettono di gustare gli invitanti piatti tipici come gli gnocchi con formaggio di pecora, o marmellata e noci,  le dense zuppe e l’immancabile gulash.

La città di Lubiana è la capitale della Slovenia, facile da raggiungere dal Bel Paese anche in auto. Il centro storico della città è un susseguirsi di edifici e di monumenti di grande interesse come la cattedrale di San Nicola, il ponte dei Draghi e il suggestivo Parco Tivoli. Sulla collina che sovrasta la città si trova l’imponente castello di origine medievale. A Lubiana è possibile degustare saporite zuppe e ottimi piatti tipici della tradizione a base di selvaggina.

Riga è la capitale della Lettonia e viene anche chiamata la Parigi dell’Est. In questa città è possibile ammirare l’unione della storia più antica con l’arte contemporanea. Tral e vie del centro cittadino si possono incontrare splendidi palazzi medievali nella parte storica a fianco di edifici art noveau che è possibile ammirare in Vilandes Sreet. I pezzi forti della cucina lettone mostrano tutte le molteplici influenze culturali della Germania, della Russia e della Scandinavia. Molto importante nella gastronomia locale è il pesce, in particolare sardine, salmone e aringhe.

La capitale estone Tallinn è stata proclamata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco già nel 1997. Tra le vie del centro della città è possibile ammirare il Vana Tomas, la guardia della città, l’imponente cattedrale ortodossa Alxander Nevsky e le mura che circondano la città. Durante un viaggio è sempre bene immergersi nella cultura locale anche dal punto di vista culinario: a Tallin non potrai fare a meno di assaggiare il tipico pane di segale, l’arrosto di maiale in gelatina, l’anguilla marinata e l’insalata di aringhe e barbabietole.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×